Pagine Facebook, perché non cancellare i commenti scomodi?

COME RISPONDERE I COMMENTI NEGATIVI SU FACEBOOK

Chi ha una pagina aziendale su Facebook usata per far crescere una community e per proporre i propri prodotti o servizi ai propri fans o facendo promozioni è fortemente soggetto a critiche, anche se in realtà stiamo facendo tutto nella massima onestà il leone da tastiera o il concorrente è sempre pronto a fare il commento malefico. Troverete l’utente che “sporcherà” la vostra immagine o che esprimerà giudizi negativi oppure ci siete già passati, bene, l’istinto è quello di cancellare il commento (nel caso di Facebook), pensiamo subito di fare la meglio cosa eliminandolo in tempo prima che i nostri fans leggano: non c’è cosa più sbagliata! L’utente a cui viene cancellato il commento sicuramente ne parlerà , lo scriverà  oppure con uno screenshot può fregarvi, può recensire duramente ed avrete un feedback negativo che può durare negli anni (e non esagero).

Immaginiamoci il caso contrario, mantengo il commento negativo: può essere una critica o magari una persona che si sia trovata male con il nostro brand, cosa possiamo fare? Ovviamente dipende dai casi ma spesso fa bene scusarsi o chiedere il perché, magari trovando anche la soluzione al problema quindi migliorando il nostro servizio qualità senza nascondere niente (a meno che tu non stia truffando qualcuno..) Dare una buona risposta significa farsi notare da chi leggerà quei commenti, far percepire una presenza umana sulla pagina o perché far fare una brutta figura a chi commenta a caso.

Avendo di fronte un pubblico che vede la vostra reazione, nell’affrontare il problema avrete una reazione positiva, specialmente se si tratta di un caso isolato (beh se tutti fanno critiche negative sulla vostra pagina facciamoci qualche domanda..) quindi la regola fondamentale: MAI RIBELLARSI AI FANS!

Ci sono stati casi di brand celebri che hanno fatto grandi danni imponendosi al proprio pubblico eliminando post o commenti, sul web dopo molto tempo ci sono ancora case history.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *